Concorso scuola, 4 bandi in arrivo: le ultime novità

Concorso scuola, 4 bandi in arrivo: le ultime novità

Dopo una brusca frenata, il concorso scuola è in arrivo: la neo ministra dell’Istruzione Azzolina prevede la pubblicazione di quattro bandi entro il 2020. Tutte le novità.

CONCORSO SCUOLA – Tra le emergenze del nostro Paese, quella del reclutamento degli insegnanti sembra al momento una delle più impellenti. L’allarme dei sindacati in merito al boom di supplenze e ai vuoti lasciati da Quota 100, lanciato già a settembre scorso, non lascia più spazio a interpretazioni: l’assunzione di nuovi docenti è una priorità. L’inizio del 2020 tra i corridoi del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca è stato tuttavia turbolento e la necessità di accelerare sulle procedure si è, in realtà, trasformata in una brusca frenata. Le dimissioni dell’ex-ministro Lorenzo Fioramonti, arrivate il 23 dicembre 2019, hanno temporaneamente bloccato la macchina dei concorsi scuola, che ha dovuto attendere l’insediamento della nuova ministra Lucia Azzolina per mettersi nuovamente in moto.

La neo-eletta ha tuttavia fatto sapere, sin da subito, che i concorsi per i docenti sono in cima alla lista delle priorità del Ministero. Recuperando rapidamente l’incontro coi sindacati, previsto per inizio gennaio e saltato a causa delle dimissioni di Fioramonti, l’esponente pentastellata ha già fissato un tavolo tecnico per mercoledì 29 gennaio 2020: la squadra del Miur e i sindacati discuteranno le modalità di reclutamento dei docenti e faranno il punto sulla stesura dei bandi. Stesura che, stando alle ultime dichiarazioni della ministra, è già iniziata e punta a rispettare la data d’uscita originaria: febbraio 2020. Attualmente, i bandi in cantiere sono quattro: tre in uscita nelle prossime settimane e uno previsto per la fine del 2020. Quest’ultimo riguarda il reclutamento di 5 mila insegnanti di religione. Ma vediamo nel dettaglio i singoli bandi.

Concorso scuola: i bandi in uscita nel 2020

In una intervista rilasciata al Sole 24 Ore, la ministra Azzolina ha confermato la pubblicazione dei bandi per circa 70 mila docenti. Ha chiarito, tuttavia, che i bandi di concorso sono pensati per coprire esclusivamente i posti vacanti: ciò vuol dire che non tutte le classi di concorso saranno aperte e che saranno assunti docenti solo laddove ci sarà una reale carenza di disponibilità. La pentastellata ha sottolineato, inoltre, la presenza di un dato geografico rilevante: le graduatorie del Sud Italia sono ancora stracolme, quelle del Nord sono già esaurite da anni.

CONCORSO INFANZIA E PRIMARIA: già previsto dal decreto dignità del luglio 2018, sarà il primo tra i bandi pubblicati in Gazzetta. Il bando di concorso metterà a disposizione almeno 13 mila posti (non si esclude che si arrivi a 15 mila). Azzolina ha comunicato che è tutto pronto: si sta procedendo, in questi giorni, a una revisione della tabella dei titoli per “dare più valore al servizio”. L’uscita sembra quindi imminente: si prevede una prova pre-selettiva (in caso di elevato numero di domande), uno scritto e un orale.
CONCORSO STRAORDINARIO SECONDARIA: forse è il più atteso tra i quattro. Il bando punta alla stabilizzazione dei precari con almeno tre anni di servizio, maturati tra l’anno scolastico 2008/09 e il 2019/20. I posti a disposizione saranno 24 mila e per la selezione è prevista una procedura semplificata: la prova di verifica consisterà in un test computer based, che si considererà superato con un punteggio pari o superiore a 7 su 10. Successivamente si procederà alla stesura delle graduatorie: i vincitori accederanno ad un anno di prova presso un istituto scolastico, al termine del quale saranno chiamati a sostenere una prova orale.
CONCORSO ORDINARIO SECONDARIA: quello ordinario sarà invece il concorso dei neo-laureati. Metterà a disposizione circa 25 mila posti e, tra i quattro bandi, sarà sicuramente quello con un maggior numero di domande. Proprio sulla base di quest’ultimo, lo svolgimento delle prove potrebbe prevedere una verifica pre-selettiva, uno scritto e un orale. Per accedervi, oltre al titolo di studio, gli aspiranti insegnanti dovranno possedere una certificazione che attesti il possesso dei 24 CFU in discipline antro-psico-pedagogiche e metodologie didattiche. Si ricorda che per accedere ai posti riservati al sostegno, infine, sarà necessario possedere un’ulteriore abilitazione specifica.
CONCORSO INSEGNANTI DI RELIGIONE: l’ultimo concorso in ordine di tempo sarà quello riservato ai docenti di religione. Dal ministero fanno sapere che il bando sarà pubblicato entro la fine del 2020 e metterà a disposizione circa 5 mila posti. Tra i requisiti per presentare la domanda, sarà richiesta un’idoneità diocesana rilasciata dal vescovo.Abbiamo riportato la notizia sabato scorso (con un estratto della lettera dentro)
Non solo concorso scuola: altre misure in arrivo

I bandi per il reclutamento degli insegnanti sono solo uno degli obiettivi della ministra Azzolina. Dopo aver incontrato i sindacati, mercoledì 22 gennaio 2020, la pentastellata ha elencato i punti salienti del suo programma. Oltre alla programmazione delle assunzioni per i prossimi anni, la squadra del ministero intende lavorare per “sburocratizzare e ridurre gli adempimenti amministrativi che gravano sui docenti, sui dirigenti scolastici, sui direttori dei servizi generali e amministrativi, sul personale del Ministero. E per una innovazione didattica che metta a sistema le migliori pratiche già sperimentate sul campo dai docenti”. Tra le iniziative più significative, come illustrato al Sole 24 Ore, figura infine l’avvio di un V ciclo di tirocini per il sostegno per un totale di circa 21 mila posti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *